giovedì, novembre 02, 2006

Romagna mia... senza di te non si può star


Grazie ancora a tutti quelli che ci mandano "gli alimenti" (nonna Mercedes, zia Carla, famiglia Nori, mamma Paola), ma questa volta ci vuole assolutamente una menzione speciale per Giacomo che è andato a raccogliere le castagne e ce le ha spedite, insieme a una magnifica letterina.

ZUM ZUM!

P&N

4 commenti:

Marci ha detto...

NOOO!!! Pure le castagne! Ma lì a NYC andate avanti a piadine, prosciutto e fette di salame? Vi invidio un po'. Comunque, sotto Natale qui a Stanford si mangia il gnocco fritto: i miei colleghi mi hanno messo alle strette! Oh my God!

mae ha detto...

Wow ... ma ve la spassate :)
Mi sto rendendo conto di quante cose non siano facilmente reperibili, ma nemmeno le castagne si trovano??

Francesca ha detto...

Chiediamo consigli!
Vogliamo anche noi pasteggiare a Canederli e Teroldego cantando l'Inno al Trentino

luciano ha detto...

Forse ci sarete già stati, ma in internet c'è un sito che dice tutto, o quasi, sulla piadina romagnola: si tratta di piadinaonline.com.
Anche i "NON ROMAGNOLI" potranno conoscere la storia e la tradizione di questo umile ma tanto apprezzato alimento della nostra terra.
Saluti. Luciano