lunedì, agosto 21, 2006

Paese che vai...

Oggi ho accompagnato la Nico a prendere l'autobus alle 7.45 e poi sono venuto alla Columbia per iniziare a lavorare. Sono arrivato qui poco prima delle 8 e, come sarebbe accaduto in Italia, era tutto chiuso e vuoto. Mi sono messo seduto per terra ad aspettare, davanti alla porta del dipartimento.

Alle 8.15 circa, la porta del dipartimento si apre dall'interno ed esce un uomo in calzoncini e maglietta con un rasoio elettrico in mano. Era abbastanza evidente che aveva passato la notte qui, o che comunque era arrivato prestissimo e contava di riordinarsi nel bagno della Columbia.

Vedendomi è stato gentilissimo e mi ha subito chiesto chi fossi, cosa volessi, si è presentato dichiarandosi "tecnico del laboratorio informatico" e mi ha subito spalancato le porte del computer lab, offrendomi una sedia ed un PC.

E' stato inevitabile pensare che, ovunque si vada, i veri presìdi delle università sono i tecnici informatici...

P

6 commenti:

LAMC@USA ha detto...

Mitico! Devo proprio comprarmi un rasoio a batterie! Non ci avevo pensato...

Marci ha detto...

Ehi .. quello sarà anche il mitico tecnico di laboratorio del LAMC di Bologna, ma quella che c'è dietro la riconosco fin troppo bene!
E' la mia Stanford University!
Non mi ruberete la piazza, vero?

Marci ha detto...

Scusate .. dimenticavo un messaggio per Giovanni, il tecnico del LAMC per chi non lo sapesse! Ma come si fa a non saperlo, dico io.
Comunque. Giovanni?! Ma si può girare per Stanford con la maglietta di Berkeley?! Sei pazzo? Ti è andata bene che la squadra di football americano non ti abbia beccato altrimenti sarebbero stati dolori!

PB ha detto...

Ah, dimenticavo, ovviamente il tecnico si chiama John...

LAMC@USA ha detto...

Il bello della sfida! L'ho messa di proposito quando siamo passati per Stanford... e il Marcello si é negato per andare dai suoi amiconi. Comunque sia... Paolo cerca di carpire i segreti di John, poi me li passi!

PB ha detto...

AGGIORNAMENTO

E' incredibile! Non solo si chiama "Jon" di nome, ma anche "Van" di cognome. Veramente!!!

"Jon Van"!!! Fantastico!